Diffusori basso Impulso :

Argomenti correlati: Wikipedia: (teorema dell'impulso e della quantità di moto).

Sono i diffusori più comunemente utilizzati nell’industria chimica, industria alimentare elettronica e farmaceutica ospedali ristoranti cucine industriali industrie molitorie,
Lo scopo è quello di poter creare le migliori condizioni ambientali possibili per prodotti e personale impegnato nelle lavorazioni in concomitanza di condizioni di lavoro particolarmente disagiate ( basse temperature, alte portate sino a 20 30 voI/ h ed oltre). L’idea di partenza che ha consentito di sviluppare questo tipo di diffusore è stata quella che fosse possibile distribuire aria facendo a colare all’interno dei locali da refrigerare, attraverso la trama oppure piccole fessurazioni praticate sulla superficie di un tessuto; a velocità inavvertibili dal personale sottostante (0 002 0,2 m/sec).

L’aria oltrepassando lo spessore del tessuto , carica elettrostaticamente il materiale tessile e viene casi continuamente filtrata sedimentando polveri polIine, batteri funghi, protozoi che risultano essere dannosi sia al personale impegnato all’interno dei locali sia ai prodotti che vi sono conservati o preparati. Ad intervalli regolari questi diffusori possono venire rimossi e disinfettati mediante lavaggio in lavatrice dopo essere stati sezionati tramite zippers. E’ consigliata una buona prefiltrazione a monte quando venga introdotta una certa quantità d'aria esterna nel sistema di ventilazione o quando all’interno dei locali vengano effettuate lavorazioni che comportino la produzione di una consistente quantità di polveri. Un'altra caratteristica del sistema che si è rivelata determinante in certe applicazioni è la singolarità del moto nel deflusso. I filetti fluidi fuoriuscendo a bassissima velocità non possiedono energia residua necessaria alla miscela con aria ambiente e non riescono perciò a produrre vortici o turbolenze.
Diffusori in fibra tessile (R) basso impulso

vuoi saperne di più